Cuoio conciato al vegetale

Concia al Vegetale o Concial al Cromo?

Concia al vegetale vs Concia al cromo

Concia al vegetale o concia al cromo? Questo articolo ti mostra le differenze tra queste due lavorazioni del cuoio che ti permetteranno di scegliere il prodotto giusto.

Per definizione

“Il cuoio è la pelle animale lavorata tramite i processi di concia, per rendere il materiale imputrescibile e di lunghissima conservazione.”

Cos’è la concia?

Sapere la differenza tra cuoio conciato al vegetale e cuoio conciato al cromo serve per comprendere la qualità di un prodotto e la sua origine.

La concia consiste nel trasformare delle pelli animali grezze in prodotti finiti che sono più resistenti nel corso del tempo e quindi ottenere pelle e cuoio.
Il processo di concia più diffuso è quello che prevede l’impiego del cromo trivalente ed in particolare del solfato basico di cromo.
Già sentire questi nomi chimici articolati ci fa sorgere qualche domanda.
Oggi vogliamo parlare proprio di questo, vogliamo darvi una visione generale di questi due differenti processi di concia.

Differenza tra concia al vegetale e concia al cromo, qual è la migliore?

La concia fa parte del processo di lavorazione che permette al cuoio di durare nel tempo grazie alla capacità di resistere agli agenti atmosferici.

Differenza concia al vegetale e concia al cromo

Concia al vegetale

La concia al vegetale vede l’utilizzo di materie prime reperibili in natura.
Come conciante si utilizzano delle sostanze tanniche, ovvero dai tannini contenuti nelle cortecce e negli alberi.
Inoltre la concia al vegetale utilizza bovini destinati all’industria alimentare, di conseguenza non vengono abbattuti per il solo scopo di ottenere la loro pelle.
La concia italiana è considerata il punto di riferimento per i beni di consumo di fascia alta, l’Italia è la prima al mondo per questo settore e non ci vergogniamo a dirlo, questo ci fa molto piacere.

Vantaggi del cuoio conciato al vegetale

Il cuoio ottenuto con una concia al vegetale ha molti vantaggi in più rispetto alla concia al cromo, prima di tutto il materiale ottenuto è ecologico ed unico. Essendo una lavorazione naturale al 100% fa rispecchiare nel prodotto tutta la sua genuinità e spontaneità.
La patina che sviluppa permette al cuoio di ottenere a prima vista una sensazione di qualità e di vissuto. Il cuoio migliora con il suo utilizzo e con il passare del tempo, lasciando al prodotto un look naturale e migliorando la sua qualità.

Borsa in cuoio conciata al vegetale

Svantaggi del cuoio conciato al vegetale

I problemi che si possono riscontrare con il cuoio conciato al vegetale son dovuti, principalmente, alle prime fasi di lavorazione: la presenza di ferro nelle lavorazioni può macchiare facilmente il prodotto. Possiamo anche non preoccuparci di questo, perché un prodotto mal lavorato non verrà venduto sul mercato, o meglio, sarà scartato e verrà utilizzato per altri impieghi.
Non arriverà mai nelle nostre mani.
Un conto è un cuoio “vissuto”, alterato dalle esperienze e dai momenti in cui ci ha accompagnato, un altro è un cuoio rovinato. Non condividete?

Portachiavi in cuoio

Concia al cromo

La concia al cromo, al contrario della concia al vegetale, impiega come conciante i sali di cromo, per prodotti finiti dal fiore ( Per sapere cos’è il fiore clicca qui) più fine e più gommoso al tatto rispetto alla conciatura al vegetale.

La concia al cromo è fondata sulla capacità del cromo trivalente.
Agli inizi del ‘900 l’impiego della concia al cromo veniva utilizzato per produrre sali di cromo trivalente in conceria per ridurre la melassa o altri riducenti.
Elevate quantità di prodotti chimici negli scarichi con conseguente necessità di trattamenti depurativi.

Inoltre, per mantenere bassi i costi, il cuoio conciato al cromo viene prodotto in paesi in via di sviluppo. I lavoratori sono direttamente esposti al cromo ed altri agenti chimici utilizzati per conciare il cuoio. Il cromo è altamente cancerogeno e può causare malattie respiratorie e ustioni.
Concia al cromo

Qualità e Ambiente

Noi abbiamo scelto la concia al vegetale, l’utilizzo di cuoio al cromo non ci interessa minimamente. Avere a che fare con un materiale che è stato trasformato in qualcosa di pericoloso per l’ambiente è per noi assurdo. È tossico, non c’è altro da aggiungere.
Il cliente mette la qualità sopra ogni cosa quando si tratta del cuoio.
Vuole un prodotto affidabile che si mantenga nel tempo, non un prodotto a basso costo che avrà sicuramente con sé un biglietto di sola andata per una destinazione non molto accogliente: la discarica.
A livello ambientale ha un impatto equivalente a mettere lo zucchero nel serbatoio di una moto, pura follia! Essendo un materiale non riciclabile è vivamente sconsigliata la sua produzione.

Conclusione

Siamo in un mondo dove la tecnologia ci rende sempre più veloci alla realtà che viviamo e forse dovremmo fermarci ogni tanto a pensare e riflettere su quali tipi di prodotti bisogna utilizzare. Mettendo in considerazione anche le tecnologie che ci permettono di ottenere prodotti migliori. La differenza tra questi due tipi di conce ci insegna in modo pratico cosa significa comprare un materiale come il cuoio conciato al vegetale che rispetta criteri di qualità, durabilità e salute, piuttosto che un prodotto di scarsa qualità ma con costi ridotti come il cuoio conciato al cromo.

Il cuoio conciato al vegetale è un’eredità da tutelare, un prodotto degno di avere cura ed attenzioni nelle fasi di lavorazione.
Il cuoio conciato al vegetale è un materiale di larghe vedute, non si vergogna di mostrare le cicatrici ed i segni subiti nel tempo, ne va fiero e fa di essi la sua identità, unica ed irripetibile, per rappresentare una bellezza che è maturata con l’utilizzo e l’esperienza del suo possessore.

Qui da Ends Cuoio regna la politica della qualità e della salute del pianeta, dei clienti e dei nostri prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *